Filmati Israele

Arrivati a questa pagina sicuramente vi siete fatti un'idea di Israele ma io voglio darvi ancora di più come premio per non aver fatto la fine del mio carissimo e simpaticissimo amico Andrea. Su questa pagina troverete una piccola selezione dei filmati meglio riusciti, la qualità, ammetto, non è delle migliori ma lo scopo è quello di trasmettervi l'atmosfera che ho respirato in quasi dieci giorni di permanenza in Israele.

Matrimonio

Che dire del primo filmato? Bella domanda. Come vi ho scritto nella pagina dedicata al matrimonio del mio amico Amedeo, non parlo ebraico e questo filmato per me rimane ancora un mistero da risolvere. Cosa avrà detto il rabbino? Chissà, io intanto dico anzi scrivo di nuovo, Mazal Tov Amedeo e Svetlana!

Gli altri due filmati sono decisamente più chiari, siamo agli inizi dei festeggiamenti e gli sposi vengono alzati in aria con le sedie (credo sia un rito tipico del matrimonio ebraico). Faccio i miei complimenti agli sposi soprattutto per aver alzato le mani in un momento di instabilità totale, magari dal filmato non sembra ma credetemi sulla parola.

Cerimonia del matrimonio ebraico La festa è iniziata I sposi erano veramente coraggiosi

Mar Morto

Ed eccovi il mio filmato preferito. Che bello rivedere il Mar Morto e che nostalgia per il mare, il sole... Spero che il filmato riesca a trasmettervi la sensazione che si prova stando a mollo in acqua. Andateci e provate perché da nessun altra parte del mondo proverete una sensazione simile e sbrigatevi perché alcuni scienziati sostengono che il Mar Morto stia scomparendo.

Come bello galleggiare nel Mar Morto

Gerusalemme

Il primo filmato è stato fatto durante la Via Crucis e precisamente davanti alla nona stazione dove ho incontrato un gruppo di fedeli russi.

Il secondo filmato, ripreso in segreto, è stato fatto nella parte maschile del muro del pianto.

Il terzo, è stato fatto al tramonto, durante l'istante della preghiera musulmana, la stessa preghiera che mi ha svegliato il giorno successivo all'alba. La preghiera viene diffusa per tutta Gerusalemme con un megafono, quindi non c'è via di scampo.

Una delle stazioni di Via Crucis Preghiera davanti al muro del pianto Una moschea di Gerusalemme